Ritornelli del destino

Tag

, , ,

ConradRoset3

 

Temere le radici,
il perdimento, la stanza dentro la terra,
e non volgersi ai rami,

come se la rivoluzione fosse un mare fatto di sola profondità,
buio, mani sudate.
I muscoli scrivono capolavori di forze
quando scampiamo al pensiero del sale.
Macchina di nervi, tendini e solitudini eluse si
mostra ai piedi del desiderio.
Quercia incorrotta, non temere le nozze col tagliaboschi,
quante ghiande hai regalato alla germinazione?

Nuovi entusiasmi, sulle labbra del giorno,
traducono i ritornelli del destino.

Ho paura. Sorrido. Il fango dei fallimenti non ferma il sole.
Dopo la terza tabula rasa, un mare daria.
Preparo i polmoni. Solletico i palmi.
Mi avvicino con calma al bosco fermo.

È una gran fortuna non poter
scrivere poesie con lacrime di gioia.


18 giugno 2015. Parole: sale, tendini, rami,  ghianda, desiderio. Opera di Conrad Roset.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.213 follower