Carmine Mangone, “Vieni: tumulto, carezza”, stella*nera/Ab imis, 2019

In evidenza

Tag

,

Recensioni:

Presentazioni e letture pubbliche:

lunedì 14 settembre 2020 | Seriate (BG) | Circolo ARCI Al Bafo
sabato 12 settembre 2020
| Dolceacqua (IM) | Culture Village

martedì 17 settembre 2019 | Roma | Zazie nel metrò (Pigneto) | su YouTube un breve video della performance con Roberto Fega al clarinetto basso
sabato 18 maggio 2019 | Marigliano (Napoli) | Masulli Bistrot Cafè
venerdi 17 maggio 2019 | Montemiletto (Avellino) | Ludovico Van

 

«Vieni. La voce verbale più intima, la più prossima alla fine di ogni distanza. (…) Ogni parola è la sorte del libro che non smetto di scrivere per te. (…) Insistere in questo gioco: la scrittura, il respiro, il continuare a versare acqua nel deserto. Godere dell’intervallo, di quel momento in cui il rivolo d’acqua irride ottusamente la sabbia che sta per inghiottirlo», Carmine Mangone.

 

 

Carmine Mangone, Vieni: tumulto, carezza, con illustrazioni di Simone Lucciola, stella*nera/Ab imis, 2019, formato 21×20, interni a colori, 40 pagine, senza copyright, né distribuzione commerciale, né prezzo di copertina imposto (il prezzo lo fa, [ir]responsabilmente, chi lo acquista).

estratti:  < 1 >  < 2 >  < 3 >  < 4 >  < 5 >  < 6 >  < 7 >  < 8

Il libro raccoglie scritture brevi a carattere erotico-filosofico, minute riflessioni e aforismi poetici scritti tra il febbraio e l’aprile 2018.
Chi mi legge da tempo, sa già cosa aspettarsi. A tutti gli altri, invece, posso solo dire che la mia scrittura – divenuta sempre più personale negli ultimi anni – si è andata affinando (non solo stilisticamente) a partire da quelli che sono e restano i miei riferimenti principali: Char, Blanchot, Bataille, Duras, Deleuze, Jabès, il punk, il surrealismo, le idee anarchiche (ma con uno smodato quantum di carnalità in più).

Per richiederne una o più copie, potete contattarmi via mail (mangone.carmine@gmail.com), su Telegram, oppure, più comodamente, utilizzando il modulo che trovate in fondo alla pagina Bookshop. Tenete presente che NON lo troverete in libreria, né sui portali librari on-line (tipo Ibs, Amazon et similia).

*   *   *

Voglio ringraziare di cuore: Angela Falchi, senza la quale questo libro non sarebbe mai nato; Marco Pandin (ciao vecio!), che ha confezionato il libro per stella*nera mettendoci le idee per il layout e molto amore; nonché Simone Lucciola, realizzatore delle cinque illustrazioni a corredo dei testi (Simone è anche poeta, cantante punk e una splendida persona; date un’occhiata al suo blog).

Passare la misura senza misurare i passi

Tag

, , , ,

 

«Mi sembrava che soltanto l’odio avesse accesso alla vera poesia. La poesia ha un senso forte soltanto nella violenza della rivolta. Ma la poesia non giunge a questa violenza che evocando l’impossibile», Georges Bataille, L’impossible, 1962.

Non era una rappresentazione. Era così. Era reale. La forza di un’idea veniva a incorporarci nel mondo. Ci faceva sangue. E il sangue diceva, s’insinuava, scorreva nei discorsi.

chi non vede le ombre / inciamperà nella luce / ma chi si stende al sole / non morirà di silenzio

La “vera poesia” sta nell’intelligenza della carne che vive e si vive. Tutto il resto è solo una parola che sanguina impossibilità e spergiuri in merito alla durata di un destino.
Essere d’accordo senza trovare un accordo. Passare la misura senza misurare i passi. La vita non è equilibrio; la vita è dissipazione, cattura di luce.

 

 

Quanto di impossibile è dettato in realtà dal nostro bisogno di causalità e soluzioni?
Uno dei miei sogni: creare con le parole qualcosa di simile a un buco nero.
D’altronde l’uomo non raggiungerà mai la giusta velocità di fuga per scampare alla morte o all’idea della morte.
L’impossibile: inghiottire la vita vivendola e terminando avvolti, insieme al nostro mondo, dall’orizzonte degli eventi.

Checché ne dicano gli umani civilizzati, la carne spiritata dei viventi ha una sua intelligenza, un suo intendere, un suo sentire l’intesa.
Ciò che si definisce “istinto” è in fondo un pre-sentimento, quasi un aver già sentito, un sentire (o un sapere) attraverso le pareti del corpo non appena si catturi una percezione. – La ragione, all’opposto, sembra spesso un pressappoco faticosamente affidabile.

 

 

Quante definizioni dell’amore ho dato finora e quante ancora finirò per darne? Di sicuro tante. Forse in qualche caso addirittura contraddittorie, chissà.
Il flusso stesso della mia opera può considerarsi un’immane, proterva definizione dell’amore.
– Sempre da farsi e sempre già in potenza, l’amore ha scandito quella tensione verso un’unitarietà delle mie esperienze che, in questo mondo di frammenti, tutte le volte che si è affermata, è stata il solo fattore a darmi la netta impressione di essere davvero vivo.

Quando parlo di amore mi riferisco sempre a un amore carnale, a un amore dove il toccarsi reciproco, il rendersi toccanti e il sentire la materia che vive (vera materia dell’intesa) sono esperienze fondanti.
Ma l’aggettivo “carnale” qui non implica una limitazione, bensì uno scioglimento, una catarsi, un affrancare l’amore da tutte quelle sue manifestazioni degeneri che lo legano a un’astrazione o, peggio, a un’idea autoritaria (come Dio, umanità, patria, nazione, famiglia borghese, ecc.).

Dobbiamo unire i vari frammenti della nostra vita quotidiana. L’ingovernabile che nega la banalità, e che orienta l’azione verso l’impossibile, si palesa come il movimento generale delle singolarità diversamente uniche.
Ma qui non ci sono identità da rivendicare o volti da rappresentare negli ambiti separati dell’esistenza. Bisogna calare un passamontagna sulla faccia della poesia.

 

Carmine Mangone, L’ingovernabile, Ab imis, 2018. Le figurine legate alla rivoluzione anarchica spagnola del 1936-’37 e alla CNT sono di Salvador Mestres.