Tag

, , , , ,

Nella vita posso ben dire di essere stato formato da due elementi essenziali: uno più elevato, la donna, e l’altro più basso, l’idea.

indocile alla tua assenza
e pietra irrimediabile fra le mille voci del giorno
ti ornavo il letto con la pelle di una follia integerrima
– eri nella forza del nido a schiudere l’evento –
una sola smorfia del cielo
e cominciammo a venire nella polpa stessa del bianco

La verità sta diventando inorganica, è frutto di relazioni improntate tendenzialmente al controllo e alla gestione autoritaria dei viventi, e le parole attestano questa visione inerziale, questa rappresentazione macchinica della realtà (o di ciò che ne rimane) da parte di un sistema impostato sulla convertibilità indiscriminata dei contenuti e delle forme.

quanti baci insperati tra il
rasoio della fiducia e la primavera
come a credere che la ragione abbia ancora un senso
a scacciar le nuvole che vivono tra le parole

Il problema non è la guerra. Il problema è la mancanza di discernimento in guerra: l’aver barattato il nemico (e l’orgoglio di averne uno, di dirne uno) con la blanda e tragicomica figura di un avversario spettacolare da cambiare ogni giorno allo stregua di un paio di calzini. – In un mondo dove non ci sono più amici o nemici sui quali giurare, ogni parola converte tutte le altre.

[Testo redatto nel pomeriggio del 5 ottobre 2011 e confluito nell’ebook gratuito Non me ne frega un cazzo della letteratura. Opere di Marie Čermínová, meglio nota come Toyen (1902 – 1980), pittrice ed illustratrice ceca, membro del movimento surrealista storico.]



Annunci