Tag



Non state a strusciarvi contro l’aratro
Le sue braccia non sono migliori delle mie

Quando la mia carne incolta v’impastava
La sua forte fibra ripudiava le finzioni della lana

Meglio d’un portale ch’escluda la ruggine
Vi toccavo senza ridurmi

Il freddo godeva dell’alcova
Acrobazia della presenza
Che interrompe la descrizione

Non s’affonda il piede nella sorgente
Per apparire simili al mandorlo

Non ci si perde nel sogno
Per guadagnare la strada a noi cara
Non si dà al cane la lanterna da leccare

Liberi dai pidocchi dell’ombra
Si abborda la fame delusa
Come borgo siccitoso
Café-chantant indiavolato

Quest’epidemia di fuoco
Guarisce dall’umiltà

Io mi sopprimo vi alloggio
Profumate la mia soglia minacciosa.

“La récolte injuriée”, in: Dehors la nuit est gouvernée, 1938, Éditions G.L.M.
Traduzione di Carmine Mangone.



Annunci